Ritorna al sito

Cristo all' orto

Di tutto il gruppo, essa è l’unica a proporre due soggetti.
La scena ripercorre il corrispettivo brano evangelico e ci presenta il Cristo, inginocchiato su una roccia affiorante dalla terra e con lo sguardo, implorante, rivolto al Cielo mentre un Angelo, seminascosto dalle fronde di un ulivo, a simbolo dell'intero Getsemani, Gli porge l'amaro calice del sacrificio. Il popolo, sintetizzando, la chiama comunemente "Cristo all’orto" ed è una statua che si lascia apprezzare per alcune peculiarità che le altre non possiedono. Innanzitutto la veste che si ammira in tutta la sua interezza e che, mutuata dalle pieghe e dalle forme del corpo, ci trasmette un’idea di tessuto, damascato d’oro, così tangibile da sembrare vero. Se poi, a questa, si aggiunge la particolarità di un albero che si riveste - in occasione della processione - di vere fronde di ulivo, cariche del loro frutto e l'espressività di un viso che sembra veramente immerso nella lacerante richiesta dell'importante concessione divina, il risultato che si ottiene diventa di un realismo impressionante.
Il simulacro in questione, però, non è quello originale. Pur perfettamente integrato nel gruppo, del quale riproduce sia le colorazioni che le espressioni e le sembianze identiche del viso, fu rifatto, nel 1858, dal napoletano Gaetano La Rocca in sostituzione del precedente distrutto dal tarlo e dall'umidità.
In processione, la statua del Cristo all' orto è affidato ai portatori della Confraternita di Maria SS. Assunta in Cielo.
.
- Testo a cura del prof. Nino Del Rosso.
- Foto a cura del dott. Franco Stanzione.
.
.
Image and video hosting by TinyPic
clicca sulla foto per aprire l' album fotografico su Cristo all' orto
N.B. - Tutte le foto sono proprietà esclusiva dell' autore dott. Franco Stanzione ed è vietato riprodurle senza il suo consenso e/o omettendo di citarne la fonte.

Ritorna al sito