Ritorna al sito

Il Calvario

È la quarta "icona" del gruppo. Unitamente alle altre due che la precedono, forma la trilogia delle statue a corpo eretto mentre si accomuna al Cristo orante per la tunica damascata che la riveste interamente. Straordinaria nella sua esecuzione plastica, raffigura il Salvatore che, piegato sotto il peso della croce, muove sulla via del Golgota. Al di là dell’espressione sofferta del viso che, l’autore ripropone con gli stessi lineamenti delle precedenti, tutto l’impianto scenico di questo simulacro si fonda sul complesso movimento del corpo. Col busto sbilanciato in avanti e la gamba sinistra leggermente piegata e avanzata rispetto alla destra, la statua trasmette in modo superlativo, all’occhio dell’osservatore, la tipica posizione che assume colui che, dovendo spostare un peso superiore alle proprie forze e camminare allo stesso tempo, lo fa non con la sola forza delle braccia ma con tutta l'energia corporea. L’opera, infatti, si completa di una grande croce che poggia sulla spalla sinistra del Cristo e alla quale sono avvinte - a contrasto - le mani. Osservando la statua, si avverte - quasi epidermicamente - l'imminente caduta del Redentore sotto il peso di quella croce.
In processione, è affidata alla Confraternita della Visitazione di Maria Santissima e il popolo che, nella sua straordinaria capacità di sintesi, protesa all’espressione di un linguaggio essenziale, condensa in una sola parola tutta una serie di concettualità e la chiama semplicemente "Calvario".
.
- Testo a cura del prof. Nino Del Rosso.
- Foto a cura del dott. Franco Stanzione.


Image and video hosting by TinyPic
clicca sulla foto per aprire l' album fotografico sul Calvario
N.B. - Tutte le foto sono proprietà esclusiva dell' autore dott. Franco Stanzione ed è vietato riprodurle senza il suo consenso e/o omettendo di citarne la fonte.

Ritorna al sito